cane monreale I
GEAPRESS – Un randagio di contrada Strazzasiti, nel Comune di Monreale (PA). Un randagio che non creava problemi , dicono i volontari, ben accudito, alimentato oltre che ad essere accettato dagli abitanti del posto.

Tre giorni addietro, però, di Lucky, il bel cane mielato, si perdono le tracce. Inutili le ricerche nei posti; il cane sembrava essere stato inghiottito dal nulla.

Vittima del veleno? Infortunatosi e così rimasto bloccato in una zona difficile da raggiungere? No, Lucky era stato centrato da una rosa di pallini di piombo.

Il cane – riferisce a GeaPress Alessio Di Dino, volontario dei luoghi – è riapparso l’altro ieri sera. All’inizio sembrava essere stato vittima di un litigio con altri cani ma guardando con più attenzione la ferita, abbiamo intuito cosa poteva essere successo. I nostri dubbi – spiega il volontario – sono purtroppo stati confermati della visita veterinaria“.

Dieci pallini di piombo sono stati estratti dal corpo del povero cane, mentre altri tre rimarranno per sempre al suo interno. Impossibile poterli raggiungere senza  correre grossi  rischi per la salute  cane. I proiettili, infatti, sono molto vicino alle vertebre.

Per l’accudimento del cane, stanno ora pensando i volontari. L’area delle mille polemiche che sembra essere stata destinata dal Comune di Monreale, è stata evitata. Lucky, peraltro, necessita di continue terapie. Una fastidiosa febbre, dovuta all’infiammazione derivata, afflige il povero cane, ma a breve, riferiscono i volontari, si spera di potere iniziare la terapia riabilitativa. Il rischio, però, è quello derivato dai pallini  rimasti in corpo e dal pericolo del saturnismo, l’avvelenamento da piombo.

Lucky, però, ha circa cinque anni ed è un cane robusto.

Per l’ignoto sparacchiatore di cani, una denuncia presso il locale Comando dei Carabinieri.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati