GEAPRESS – Cosa è un diritto inviolabile della persona? Sembrerebbe che sia proprio il mancato riconoscimento di questo diritto, alla base della sentenza con la quale il Tribunale civile di Milano, pur riconoscendo la colpevolezza del veterinario che ha causato la morte di un cane, non ha riconosciuto i danni morali al proprietario.

Il diritto inviolabile della persona è innanzi tutto riconosciuto dalla nostra Costituzione la quale però non dice cosa è. E’ roba da giuristi. Questi diritti, inoltre, vengono riconosciuti tali parallelamente all’evolversi del pensiero della nostra società. Di sicuro devono riguardare tutte le persone, come il diritto di proprietà o alla salute. Devono poi essere non quantificabili sotto il profilo patrimoniale ma da questo punto di vista la dottrina non è certa. Secondo l’ANMVI (Associazione Nazionale Medici Veterinari) il problema risiede nel fatto che un danno morale non è sempre quantificabile, ma questo fatto da solo non può spiegare cosa successo a Milano. E’ forse il caso di aspettare la pubblicazione della sentenza e non il semplice dispositivo ove parrebbe essere stata negata l’esistenza dello stesso diritto inviolabile. C’entra poi qualcosa che un animale è un essere senziente? Molto probabilmente no. Anzi il fatto che secondo la legge sul maltrattamento di animali il reato è un delitto contro il sentimento per gli animali, (l’animale cioè non ha diritti in quanto tale ma ad essere tutelato è il sentimento dell’uomo) dovrebbe agevolare l’ipotesi di un’azione risarcitoria.

In attesa perciò di leggere l’intera sentenza appare comunque chiaro come sia più facile in Italia farsi rimborsare un vitellone ucciso per imperizia prima di arrivare al macello che ottenere i danni morali per lo strazio di chi ha dovuto subire, a torto, la morte del proprio cane. Forse, per i danni morali, sarebbero bastati già i sette anni che il proprietario di Maya, questo il nome della cagnetta morta nel 2003 (!) ha dovuto attendere prima della sentenza. Praticamente una beffa. Il veterinario è colpevole ma nulla dovrà a chi ha sofferto (… oltre al cane). (GEAPRESS – Riproduzione vietata senza citare la fonte).