GEAPRESS – Feci e urina ovunque. Sui pavimenti, pareti e ante dei mobili dove risultavano visibili pure tracce di sangue. Tutto, insomma, ricoperto di escrementi ed infestato di scarafaggi. Venti gatti abbandonati in un appartamento alla periferia ovest di Milano. Una gatta aveva pure partorito, ma della cucciolata iniziale, solo uno dei neonati, di circa 15 giorni, è stato rinvenuto. L’ipotesi delle Guardie Zoofile dell’OIPA di Milano, subito sopraggiunte dopo la segnalazione dell’Ufficio Tutela Animali del Comune, è che la restante parte dei gatti sia stata divorata dagli adulti. Tutti, infatti, erano privi di cibo e di acqua.

Il proprietario è tutt’ora irrintracciabile. Vittima forse di un forte disagio sociale e mentale, aveva riferito ai vicini del suo allontanamento chiedendo loro di prendersi cura degli animali. Forse in base ad una prima visione dell’appartamento, che non rendeva però possibile la vita né di uomini come degli animali, si era rilevato che la cucciolata di micetti era inizialmente costituita da sei animali. L’unico ritrovato è ora affidato ai volontari dell’OIPA che lo stanno accudendo e nutrendo per sopperire alla mancanza delle cure materne.

Un primo gruppo di 15 gatti, invece, è stato catturato dalle stesse Guardie Zoofile e ricoverato presso il gattile del parco canile del Comune di Milano. Qui verranno effettuati i controlli veterinari per stabilirne lo stato di salute. In corso di intervento, ad opera dell’ASL territorialmente competente, la cattura degli altri gatti. Facile immaginare le difficoltà riscontrate. I gatti, infatti, sono fortemente compromessi sotto il profilo psico fisico. Erano peraltro nascosti dietro mobili ed armadi, in un locale buio e divenuto ormai fetido.

La Polizia Locale sta procedendo nel frattempo alle necessarie indagini per rintracciare l’uomo, mentre le Guardie Zoofile OIPA si riservano di procedere alla denuncia per detenzione inadeguata e abbandono di animali.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati

VEDO FOTOGALLERY: