GEAPRESS – Non risulta essere cacciatore ma ha un permesso di detenzione dell’arma. Questo secondo i Carabinieri di Mercato San Severino, in provincia di Salerno. Sta di fatto che con quell’arma, ha più volte puntato il fucile contro i gatti delle vicina, una giovane studentessa universitaria.

Case con giardinetti confinanti e gatti che forse transitavano da una proprietà all’altra. Poi la ragazza ha iniziato a trovare i suoi mici feriti. Ferite strane, non chiaramente visibili. All’inizio non si riusciva a ricollegare neanche ad incidenti direttamente causati dall’uomo. Con un gatto in particolare, però, il malessere risultava ancora più evidente tanto da imporsi l’esame radiografico presso un ambulatorio veterinario. Il referto è inequivocabile. Piccoli pallini di piombo sparati da un fucile da caccia Flobert. Si scopre così che anche gli altri due gatti erano stati feriti alla stessa arma. Uno dei gattini è poi morto.

Presentata la denuncia ai Carabinieri della Stazione di San Severino, sono subito partiti i controlli sui possessori di armi. L’unico detentore che possedeva un fucile idoneo a causare le ferite come quelle scoperte sui poveri mici era un pensionato vicino di casa della studentessa. L’uomo è stato denunciato per maltrattamento di animali. Il fucile è stato posto sotto sequestro.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati