gatto marsala
GEAPRESS – In un clima di totale omertà, degno del miglior film sulla mafia. Così l’OIPA di Marsala (TP) a seguito dei vari casi di maltrattamento di animali che si sarebbero verificati nel quartiere di Amabilina. Ci sarebbe stato finanche il caso di cuccioli usati come palloni da calcio.

L’ultimo recentissimo grave atto riguarda un gatto chiuso in un sacchetto e sbattuto ripetutamente al muro da alcuni ragazzi. Nessuno, denuncia l’OIPA, è intervenuto per impedirlo. I ragazzi, infatti, avrebbero continuato il loro orrendo gioco fino a spezzare le ossa al gatto. Quando è stato recuperato dai volontari, afferma sempre l’OIPA, “era in fin di vita e non abbiamo potuto che portarlo in clinica veterinaria per porre fine alle sue sofferenze. Di questa terribile vicenda siamo venuti a conoscenza per caso.”

“Siamo addolorati ma soprattutto indignati – continua la nota dell’OIPA – per la crudeltà di chi compie questi gesti e per la complicità di chi li vede compiere senza intervenire nè denunciare”.

L’appello è ora rivolto alle Forze dell’Ordine ed alle Autorità cittadine affinchè vengano intensificati i controlli sul territorio nella zona di Amabilina.

“Noi non ci arrendiamo – affermano i volontari OIPA – e chiediamo ai Consiglieri Comunali di portare questi preoccupanti avvenimenti in Consiglio Comunale per chiedere misure urgenti atte a contrastare il dilagante fenomeno degli abbandoni e dei successivi maltrattamenti su animali inermi”.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati