furgone eital
GEAPRESS – Iniziativa dei portavoci parlamentari On. Paolo Bernini e On. Vittorio Ferraresi in tema di maltrattamento di animali. I due Parlamentari, infatti, presenteranno la proposta di legge che prevede l’inasprimento delle pene per i reati definiti delitti terribili che ad oggi, però, rischiano di non essere mai puniti, di non ricevere mai una condanna, anche per l’esiguità delle pene previste attualmente.

Il Movimento Cinque Stelle rivendita a questo proposito di avere dimostrato, anche con interventi diretti, che i maltrattamenti, gli abusi e i soprusi di ogni genere sono compiuti quotidianamente sugli animali: canili lager, allevamenti illegali che detengono gli animali in condizioni di perpetrato maltrattamento, metodi di gestione criminale, il bracconaggio, le costanti violazioni nella cattività animale ed altro ancora.

La perdurante condizione di illegalità, riporta il M5S, che causa maltrattamenti e morte per gli animali va fermata. Non solo è necessario pretendere la corretta applicazione della normativa vigente, ma è d’obbligo modificare la normativa per far sì che i crimini commessi contro gli animali e la Natura tutta, possano essere finalmente e debitamente perseguiti e puniti.

Lo stesso Movimento imputa nell’assenza dello Stato e della corretta applicazione delle normative vigenti, la causa della diffusione di comportamenti illegali che precostituiscono, peraltro, terreno fertile per lo sviluppo di attività su cui la zoomafia esercita il suo ruolo, spesso in modo indisturbato, anche per l’omertà e la costante omissione di intervento proprio delle stesse autorità che sarebbero preposte all’applicazione e al rispetto delle norme.

Si ricorda tal proposito come la scienza e l’FBI hanno riconosciuto il maltrattamento e l’uccisione degli animali come importanti segnali di devianza psicologica, prodromici ai crimini commessi contro la società e, generalmente, contro la parte più fragile di essa: chi uccide un animale può uccidere bambini, anziani, donne.

E’ necessario, conclude la nota del Movimento 5 Stelle, pretendere che questi crimini siano considerati campanelli d’allarme e siano adeguatamente indagati per impedire che la spirale di violenza possa continuare ad agire, senza confini di specie.

La presentazione della Proposta di Legge avrà luogo domani presso la Sala stampa della Camera dei Deputati, in Via della Missione 4, Roma
© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati