GEAPRESS – Ora sta un po’ meglio, il gatto tigrato impallinato ad Oggiono (LC) lo scorso 17 maggio. E’ ritornato dalla sua padrona dopo che il Veterinario ha consigliato di non intervenire chirurgicamente. Il pallino delle sempre più comuni carabine ad aria compressa, si è infatti andato a fermare in un punto molto delicato. Il povero micetto potrebbe morire nel corso dell’operazione. Dovrà rimanere con il “suo” proiettile, che qualcuno gli ha sparato nel collo intorno alle 21.00 di martedì della scorsa settimana.

La padrona è certa che l’animale non si possa essere allontanato molto da casa. Peraltro, precisa la Presidente ENPA di Oggiono, Melania Silingardi, non è il primo caso. Ci sono dei precedenti, sia in quella zona che in altra dello stesso paese, dove lo scorso novembre la Polizia Provinciale fermò un individuo che aveva piazzato una gabbia trappola proprio per i gatti.

L’ENPA accudisce le colonie feline, e di storie difficili come queste, ne ha viste tante. Ad ogni modo le carabine ad aria compressa, che sparano il famigerato pallino di piombo, sono legali. Non occorrono permessi se tarate al di sotto dei 7,5 Joule. Viceversa devono seguire le disposizioni vigenti in materia di armi.
Tuttavia, anche le carabine “minori”, avvertono alla Questura, possono far male, specie alle parti molli. Chissà per il povero micio tigrato.

Sulla questione interviene anche il Presidente della Sede Enpa di Lecco, Ing. Mauri, il quale ricorda altri due recenti episodi (in altri centri della provincia) che hanno riguardato gatti centrati da pallini di piombo. Anche loro erano gatti padronali, ed anche loro (per fortuna) sono stati salvati.

Un fenomeno recente, dunque, ed in preoccupante aumento, soprattutto se ricollegabile a quello più vasto di gatti finiti male in altra maniera. Come un micio scomparso recentemente proprio in via XXV aprile, dove cioè lo scorso martedì 17 è stato trovato il gatto impallinato.

L’ENPA spera che sia la Polizia Locale che i Carabinieri (dei tre gatti impallinati solo in quest’ultimo caso i proprietari hanno però sporto denuncia), possano arrivare ad individuare il colpevole. Il problema, però, non è solo la facile o addirittura libera vendita. Le carabine ad aria compressa, non fanno rumore…

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati