cane m
GEAPRESS – Dovrebbero essere 42 cani i cani abbattuti in quanto “pericolosi”.  Secondo fonti di stampa  a confermare la notizia è stato lo stesso Ministero della Difesa. Ci sono poi quelli uccisi per l’età, 76 per osteoartrosi e 27 per gravi patologie. Non mancano, inoltre, quelli morti in aree particolari, come i quattro periti in Afganistan. Il tutto a partire dal 2009.

La notizia, pur con tutte le assicurazioni relative alla presenza decisiva di un Veterinario, ha sollevato molte polemiche tra gli ambienti dei cinofili inglesi. C’è infatti chi ha richiamato specifici episodi ove la presenza del cane è stata decisiva per azioni di salvataggio. Di certo non una bella maniera con la quale si è poi ricambiato.

Secondo fonti dello stesso Ministero i cani soppressi sarebbero 68 nel 2009, 117 nel 2010 , 84 nel 2011 e 71 nel 2012. Trenta, invece, quelli uccisi nel 2013 fino al mese di luglio. In molti richiamano ora il triste episodio di due cani da guardia utilizzati per proteggere il Duca di Cambridge, anch’essi uccisi. Pur comprendendo le difficoltà di provvedere ad adozioni come cani da compagnia, si devono assolutamente trovare altre soluzioni.

Il Ministero della Difesa  si è giustificato sostenendo che sono stati messi in atto tutti gli sforzi per ottenere una diversa collocazione dei cani giunti a fine “carriera”. Il principale imputato della loro morte, sarebbero però malattie dell’età. Probabilmente, però, tale politica verrà ora riconsiderata.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati