macaco
GEAPRESS – Nuove atrocità contro gli animali. Questa volta l’attenzione è puntato ai mercati di Sumatra e la denuncia è dello Sportello dei Diritti. I mercati attenzionati sono quelli di Sungai-Sariak a Pariaman ad Ovest dell’Indonesia.

Scimmie macachi stipati in piccole gabbie, per essere vendute come “forza lavoro” da impiegare nella raccolta del cocco.

La grande intelligenza delle scimmie, riferisce la nota dello Sportello dei Diritti, le ha condannate ad una vita di schiavitù per essere impiegate nella raccolta del cocco. Questo grazie alla loro capacità di imparare rapidamente.

Ogni scimmia costa l’equivalente di 7,50-44,50 franchi, a seconda dell’intelligenza. Una volta vendute, questi poveri animali terrorizzati vengono prelevati dalle loro gabbie, allontanati dai loro simili ed incatenati perché non scappino. D’ora in poi, saranno schiavi degli agricoltori di cocco indonesiani. Sfruttamento della forza lavoro animale in agricoltura.

In questo modo, gli agricoltori risparmiano moltissimo sulla forza lavoro. In altri luoghi, come la Tailandia, l’abitudine di schiavizzare gli animali per impiegarli come forza lavoro è parte integrante dell’agricoltura del paese. Inizialmente le scimmie vengono addestrate molto duramente.  Quindi cominciano le interminabili giornate di lavoro nelle piantagioni. Gli animali che non obbediscono vengono puniti, talvolta perfino frustati. Il consumatore finale che acquista le noci di cocco al supermercato, non immagina quali siano le atroci condizioni degli animali impiegati nella raccolta di questi frutti.

Nessuno sembra preoccuparsi del benessere di questi animali.

In Italia per fortuna, osserva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, la Corte di Cassazione penale ha evidenziato come con l’introduzione dell’art. 544 ter nel codice penale gli animali devono essere tutelati in quanto esseri viventi, non solo come proprietà di qualcuno aumentando dunque le pene previste dall’art. 638 inserito tra i reati contro il patrimonio. Quindi, chi procura lesioni gravi a un animale e lo sevizia senza motivo e con crudeltà risponde di maltrattamenti di animali, un preciso capo di imputazione introdotto nel codice penale dalla legge del 2004.

Per tali ragioni lo “Sportello dei Diritti” lancia un appello ai consumatori: “Non acquistare prodotti realizzati attraverso lo sfruttamento e la schiavitù anche degli animali”, non rendersi complici” dello sfruttamento degli animali che sembra “abbia luogo nell’indifferenza generale”.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati