cane impiccato
GEAPRESS – I fatti  accadono nello stato indiano dell’Uttar Pradesh, ma per chi ha un minimo di conoscenza sulle storie di maltrattamento, è possibile forse notare qualche analogia con vicende più vicine a casa nostra.

Cani seviziati ed uccisi,  sistemati sempre in posti ben visibili della strada. Ad essere interessati due grossi centri ad est di Nuova Delhi. Ghaziabad ed Indirapuram. Episodi talmente ricorrenti da fare scrivere  alla stampa indiana di trovarsi innanzi ad un vero  e proprio serial killer. Uno di quelli, riferiscono in India, che prima inizia con i cani  e poi è pronto per passare all’uomo.

Il problema, però, sembra essere ignorato dalle autorità locali, tanto da fa richiedere il deciso intervento di Maneka Gandhi, vegana e quattro volte Ministro del Governo indiano (vedi articolo GeaPress ).  Si è detta preoccupata per quanto successo ed ha chiesto alle autorità di polizia di individuare ed arrestare il serial killer.

Il problema, però, sembrano essere anche le autorità sanitarie. Stante quanto riportato dalla stampa, un cane appeso ad un albero è stato sostanzialmente ignorato per ben due giorni dalle autorità sanitarie.  I racconti raccolti dai media ed in modo particolare dal Daily Mail, vanno però anche oltre. Cani appesi, più o meno uno al giorno, per le zampe e per il collo. Questo per almeno una settimana.

Episodi talmente ricorrenti, riferisce il Daily Mail, da avere generato stati di panico tra i residenti.

Secondo gli animalisti indiani la legge punisce fino a cinque anni di prigione chi commette tali crudeltà, ma il problema dei cani impiccati rimane ancora irrisolto.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati