GEAPRESS – Avvelenamento di cani. In genere sono questi i più noti. Gli ultimi nei pressi dell’Idroscalo di Milano e nel porto di Termini Imerese (PA). Molti altri animali, però, muoiono a causa dei velenosi misfatti dell’uomo. Fauna selvatica oppure quella che vive nei centri abitati. Fenomeni, in molti casi, ricorrenti. A distanza di pochi mesi (vedi articolo GeaPress) un altro avvelenamento di colombi è avvenuto in via Rossini nel quartiere delle Fornaci a Savona.

Qualcuno – denuncia l’ENPA di Savona – ha nuovamente distribuito nel parcheggio cibo per uccelli contenente un potente veleno“. La morte atroce è così arrivata per una decina di colombi. Altri sono stati soccorsi in tempo dalla stessa ENPA, subito intervenuta appena avvisata dell’ennesima distribuzione di veleno.

Le Guardie Zoofile dell’ENPA stanno ora conducendo gli accertamenti. L’ Associazione solleciterà inoltre il Comune, così come stabilito da una Ordinanza del Ministero della Salute sugli avvelenamenti, di attivare le procedure tecniche che dovranno essere poi coordinate dalla Prefettura. Bisognerà provvedere alla bonifica dell’area. Il veleno, ricorda l’ENPA potrebbe costituire un pericolo anche per le persone, soprattutto bambini.

Anche per prevenire simili reazioni, sul problema della presenza dei colombi in città, l’ENPA ha ripetutamente proposto al Comune di Savona progetti e soluzioni per limitarne il numero o spostarli in zone meno critiche. Purtroppo non ha mai avuto riscontro.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati