GEAPRESS – Dopo il caso dei due turisti spagnoli (in realtà inviati de Le Iene) che hanno sborsato 550 euro per un giro in città con l’anacronistica carrozza, interviene con una nota inequivocabile il Ministro del Turismo Michela Brambilla. Per lei tutte le cose hanno un inizio ed una fine, ed anche per le botticelle la parabola si può dire conclusa.

Questo quanto dichiarato dopo il raggiro documentato da Le Iene. Ma il Ministro va ben oltre. Cita anche il recente caso di aggressione ai danni di una turista, e ritiene che l’uso dei cavalli nelle carrozze romane sia ormai insostenibile.

In serata, però, è pervenuta la dichiarazione del Sindaco di Roma Alemanno (nella foto). Secondo il primo cittadino, infatti, “l‘assessore alla mobilità Sergio Marchi ha già sospeso la licenza e adesso presenteremo una delibera per introdurre le tariffe. Francamente questo accanimento contro le cinquanta botticelle romane non lo capisco, per quanto mi possa sforzare. Abbiamo messo regole a tutela della salute dei cavalli, adesso metteremo un regolamento per le tariffe e sospendiamo temporaneamente la licenza a tutti coloro che commettono errori. Mi sembra – ha concluso il Sindaco – che ci sia un clamore eccessivo».

Sembra quasi una dichiarazione del tipo, tiriamo a campare. Chi sopra la carrozzella e chi, invece, a trainare, meglio senza clamori. Per la Brambilla, invece, “il fatto che questa attività venga svolta da tanti anni non è certo una ragione sufficiente perché debba essere mantenuta“. Questo anche alla luce di valutazione relative proprio all’indotto turistico.

Per il ministro Brambilla, “la coscienza di amore e rispetto nei confronti degli animali e dei loro diritti che si è affermata nel nostro paese, così come nell’intera Europa e in altri continenti, rende inaccettabile al sentire comune la sopravvivenza di tradizioni che comportino lo sfruttamento degli animali, in particolar modo se si tratta di cani, gatti e cavalli“.

La speranza è sempre l’ultima a morire, ma riteniamo difficile che il Sindaco di Roma possa accettar l’appello a lui rivolto dal Ministro Brambilla, ossia che “il Sindaco Alemanno vorrà concretamente valutare la necessità di rendere la capitale sempre più “animal friendly”, cioè al passo con i tempi, accogliendo le richieste che gli vengono poste oramai da un grande numero di cittadini e dalle associazioni animaliste che di queste istanze si fanno interpreti“. (GEAPRESS – Riproduzione vietata senza citare la fonte).