gatto grottaferrata
GEAPRESS – Il povero gattino era stato trovato ancora in vita, legato al cancello con i suoi intestini.

I fatti, denunciati dall’associazione Tendi La Zampa, erano occorsi il 23 luglio a Grottaferrata in provincia di Roma. Il gatto è morto non molto dopo il ritrovamento nonostante le cure subito prestate dai volontari.

Lo sdegno suscitato in tutta Italia, è stato ora evidenziato dallo stesso Sindaco di Grottaferrata, Giampiero Fontana che ha riferito dei moltissimi messaggi ed appelli pervenuti che invitavano ad intraprendere quanto necessario ad impedire il ripetersi di tali sconcertanti episodi.

La mia casella di posta elettronica e quella della mia Segretaria – ha riferito il Sindaco Fontana – sono andate in tilt per la mole delle segnalazioni pervenute. Comprendo perfettamente lo sdegno e le proteste dei Cittadini, oltre a condividerne lo stupore dinanzi all’efferatezza dell’assurdo gesto. Come già anticipato in occasione del Consiglio comunale di giovedì 24 scorto – ha aggiunto il Sindaco –  anche a fronte della richiesta posta dai Consiglieri tutti, ribadisco che l’Amministrazione comunale, a conclusione dell’indagine conoscitiva avviata dal Commissario Straordinario a dicembre dello scorso anno, sta definendo la stipula di una Convenzione con un’Associazione animalista locale, finalizzata anche ad una maggiore prevenzione dei maltrattamenti ed al potenziamento della tutela del benessere degli animali sul territorio comunale“.

La stipula della Convenzione, una volta definiti gli aspetti di carattere meramente tecnico-amministrativo, dovrebbe avvenire entro la fine del corrente mese, al massimo per all’inizio del prossimo mese di agosto.

In attesa che la Convenzione divenga operativa – ha aggiunto il Sindaco di Grottaferrata – confermo che l’Amministrazione comunale, di concerto con la Polizia Municipale e le Forze dell’Ordine, assicurerà ogni possibile sforzo per cercare di individuare l’autore/gli autori del barbaro gesto, incrementando la soglia di attenzione per evitare il ripetersi di simili episodi. Con l’occasione, invito chiunque voglia fornire elementi di informazione utili per fare chiarezza sull’accaduto, a contattare la Polizia Municipale (06.9454051) o la mia Segreteria (06.945401664). Da ultimo, ricordo che tra gli incarichi che affiderò a mente dall’art. 41 dello Statuto comunale, è prevista una figura incaricata per la “Tutela ed il Benessere degli animali”, la quale si occuperà in prima persona di quest’importante tematica.”

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati