GEAPRESS – E’ stato rintracciato il ragazzo che tra sabato e domenica scorsa ha infierito con delle pietre su un fenicottero in sosta alla foce del fiume Leira, vicino Voltri (GE), provocandone a quanto pare la morte. La Forestale di Genova è arrivata a lui sentendo numerosi testimoni. Ora la notizia di reato è stata comunicata al Tribunale dei Minori ed è ovviamente a carico del padre, essendo il responsabile del gesto un tredicenne.

Non è ancora chiara la dinamica dei fatti. Il ragazzo ha sicuramente lanciato una o più pietre che hanno provocato la morte del fenicottero, ma dell’animale la Forestale non ha trovato alcuna traccia. Potrebbe essere caduto in acqua e trascinato a mare dalla corrente. Di sicuro il tredicenne appartiene ad una famiglia della Genova bene e si è difeso dicendo che non aveva intenzione di uccidere l’animale.

Sull’intenzionalità del gesto bisognerà attendere l’esito delle indagini e sicuramente, considerata anche la giovane età, non è a prescindere giusto gridare al mostro. Un gesto inconsulto, probabilmente, è da mettersi in conto. Uno spunto di riflessione sull’educazione al rispetto per ciò che ci circonda in generale ed in particolare se trattasi di esseri viventi, però, potrebbe anche imporsi. Tredici anni sono ancora pochi ma non più pochissimi. (GEAPRESS – Riproduzione vietata senza citare la fonte).