GEAPRESS – Una sera senza far niente, o chissà cos’altro considerato che il gatto letteralmente gettato in aria da un violentissimo calcio, sembra portare posteriormente una sorta di benda.

Lo scenario dovrebbe essere di un paese siciliano, più probabilmente della Sicilia centro occidentale. Le inflessioni dialettali parrebbero confermarlo. Il video è apparso in queste ore su You Tube e subito tolto appena si sono alzate, immediate, le proteste degli utenti. A lanciare l’appello a denunciare alla Polizia Postale è l’associazione “Arcanimali”.

Il video è stato probabilmente inserito su You Tube, poche ore fa. Alle prime schermaglie di protesta, non solo è stato tolto il filmato ma anche il gruppo dove è stato per la prima volto esposto. Subito si è aperta la caccia all’autore dell’incredibile gesto. Chi li ha mandati a quel paese, chi ha detto che stava andando a denunciare, mentre “Arcanimali” inviava il tutto alla Polizia Postale comunicando altri particolare importanti per l’individuazione del violento gruppetto.

Prima che venisse cancellato da You Tube, il video era però stato già salvato da un utente indignato.

Nel filmato si vede un ragazzo, quasi sicuramente un minore, che sta per dare qualcosa, forse qualcosa da mangiare, al gatto. Quasi subito entra in scena un ragazzo più alto che sferra un violentissimo calcio al povero gatto che viene così catapultato in fondo alla via. Il povero micio si contorce violentemente, tenta di rialzarsi ma ricade più volte. Il tutto tra le risate generali. Unico escluso, forse, il primo ragazzo della scena il quale nota che il gatto perde sangue. Era possibile, se così fosse stato, ribellarsi? La logica del “branco” non lo consente.

Ci auguriamo che tra chi vedrà l’orripilante scena (orripilante sia per il gesto che per le risate del gruppo), possa esserci qualcuno che riconosca i luoghi o sappia fornire indicazioni utili per identificare l’autore della violenza. Sarà nostro compito informare immediatamente i Carabinieri del luogo.

Violenze inaudite compiute da ragazzi contro gli animali, sono purtroppo molto diffuse. Questa estate, ad esempio, GeaPress ha riportato la notizia di un gatto preso a pugni e calci prima di essere finito costringendogli a bere una intera bottiglia di un amaro (… quello della pubblicità con il veterinario). I fatti (vedi articolo GeaPress), avvenero a Cortemilia, in Piemonte, e i responsabili del gesto furono individuati dai Carabinieri e denunciati.

Per un approfondimento sul rapporto, a volte violento, tra i minori e gli animali si può leggere la pagina di approfondimento di GeaPress (vedi  educare al rispetto). (GEAPRESS – Riproduzione vietata senza citare la fonte).

AGGIORNAMENTO: TROVATO IL PAESE DEL CALCIO AL GATTO