cane latina
GEAPRESS – Strada statale che da Fondi (LT) conduce a Monte San Biagio. Intorno alle 10.30 di ieri almeno una ventina di macchine sono in attesa che il camion dell’immondizia completi il suo intervento. La prima automobile immediatamente dietro al compattatore è quella di una volontaria del canile di Latina. Gli operatori avvicinano i cassonetti al camion. La pala metallica che compatta i rifiuti si abbassa quando tra i sacchetti che precipitano si vede “volare” un cane nero.

Il povero animale finisce nel camion e la pala sulla testa. La volontaria si precipita in strada mentre gli operatori tentano di bloccare la macchina. Il cagnolino è ferito. La pala è arrivata a colpirlo ma per fortuna non in maniera mortale. Un operatore salta tra i sacchi dell’immondizia e preleva il cagnolino. La volontaria lo carica subito in macchina, pensando già ad un ambulatorio veterinario. In quel momento, però, inizia una  violenta crisi epilettica che sconvolge tutti.

E’ durata almeno un minuto e mezzo ed è stata tremenda – riferisce la volontaria – Eravamo tutti sconvolti da quanto successo ed è iniziata la crisi; credevo che il cagnolino potesse non farcela. Appena si è calmato, sono corsa dal Veterinario”.

Un cagnolino di non più di un anno e mezzo tipo Spring Spaniel. Al collo portava una corda. Chi lo ha abbandonato, lasciandolo al suo destino, non si era posto molti problemi. Un cane da compagnia o da caccia che non serviva più al suo scopo. “Smaltito” nel cassonetto e salvato per puro caso.

Elia, così è stato chiamato, si trova ora accudito dai volontari del Canile di Latina. Le sue condizioni sono serie ma stabili. Gli esami delle prossime ore chiariranno se ha subito danni cerebrali. Il trauma cranico è evidente e si deve ancora capire se è stato questo a causare i problemi alla vista. Un occhi rimane chiuso, mentre quello destro presenta un disorientamento del globo oculare. Una zampa è gonfia tanto da non potersi poggiare a terra.

Il Veterinaio  ha detto che si salverà – aggiunge la volontaria  – Siamo tutti concentrati su di lui. Sono tanti anni che mi occupo di cani randagi ed è impossibile potersi scordare delle tante emergenza affrontate. Certo che una esperienza come questa non mi era mai capitata”.

Elia, tutto sommato, è stato fortunato. Bastava ancora un attimo e sarebbe finito triturato. I volontari, sperano di poterlo salvare e condurlo fino all’adozione. Sul suo precedente padrone, dicono all’unisono, evitiamo di esprimere giudizi.

Sempre in provincia di Latina, lo scorso marzo era stato casualmente trovato un cane chiuso in un sacchetto a sua volta gettato nel contenitore (vedi articolo GeaPress). Poche ore prima, nella città di Palermo, al chiuso di un sacco gettato nell’immondizia, era stato trovato un cavallo (vedi articolo e VIDEO GeaPress).

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati