GEAPRESS – Per la tradizionale, e barbara, Fiera della Candelora, che si svolge ogni anno a Martina Franca (TA), presso il Foro Boario di località Ortolini,  il Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale e Forestale (NIPAF) e i Comandi  Stazione Forestali di Martina Franca e Mottola, congiuntamente ai veterinari della locale ASL, hanno proceduto al controllo di numerosi autocarri che trasportavano equini. Volevano verificare se le condizioni di trasporto fossero conformi e compatibili con il benessere degli animali, secondo la Direttiva Europea. Le “irregolarità” emerse sono notevoli.

14 cavalli ed 1 asino sono stati sottoposti a vincolo sanitario. I poveretti sono stati rispediti alle stalle di provenienza, Foggia e Crotone, ove li attendono i Veterinari del luogo per effettuare tutti gli ulteriori accertamenti sanitari previsti per legge.

Numerose sanzioni, per migliaia di euro, sono state contestate agli allevatori che si sono presentati alla fiera per vendere i propri equini.

Nella fattispecie, le contestazioni hanno riguardato la mancata identificazione degli animali, il trasporto non conforme degli stessi, l’assenza di autorizzazioni sanitarie al trasporto, nonché la ben più grave violazione dell’omessa profilassi degli animali per l’anemia infettiva degli equini, con potenziale rischio di diffusione di malattie agli altri animali presenti in fiera.

L’ operazione svolta  dai Forestali alla Fiera della Candelora si inserisce in una più attività di controllo sul trasporto degli animali avviata già dallo scorso settembre in tutta la provincia. Il Comando Provinciale di Taranto del Corpo Forestale dello Stato sottolinea, inoltre, come il fenomeno del trasporto selvaggio degli animali sia molto diffuso in tutto il territorio provinciale e coinvolge soprattutto quei mezzi che provengono da regioni quali la Campania, la Calabria e la Basilicata. (GEAPRESS – Riproduzione vietata senza citare la fonte).

VEDI PHOTO GALLERY: