cane combattimenti II
GEAPRESS – E’ la Sicilia la prima regione italiana citata nel capitolo “Rachet animali” del Rapporto Ecomafia 2015 di Legambiente.

Con tale denominazione Legambiente intende un’ampia tipologia di reati che vanno dal commercio illegale di specie protette, abigeato, allevamenti illegali fino ad arrivare a macellazioni in nero, pesca di frodo, combattimenti clandestinti ed in generale i maltrattamenti di animali.

La Sicilia si aggiudica così la fetta più grossa dei ben 7.846 reati verbalizzati dalle forze dell’Ordine in tutta Italia, che hanno portato alla denuncia di 7.201 persone, l’arresto di 11 e il sequestro di 2.479 tra animali vivi e morti.

Sempre la Sicilia giunge poi seconda nel totale delle infrazioni accertate nel corso del 2014 in tema di ecomafia. La prima è infatti la Puglia seguita, subito dopo la Sicilia, dalla Campania.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati