GEAPRESS – Incredibile episodio occorso ieri a Desenzano, in provincia di Brescia. Conigli divenuti bersaglio dei dardi di una balestra. Il tutto è avvenuto in un parcheggio al confine con Villa Tassinara, sulla Statale 11 nella frazione di Rivoltella. Le Guardie dell’ANPANA erano state avvertite da una segnalazione. In una aiuola un primo coniglietto. La freccia lo aveva centrato in testa, ad appena pochi centimetri dall’occhio e dall’orecchio.

La situazione è apparsa subito grave ma il coniglietto, nonostante la ferita, aveva ancora energie tanto quanto bastava per riuscire ad ostacolare il suo recupero. C’è voluta mezz’ora per circondarlo e prelevarlo con le dovute precauzioni.

Alle Guardie ANPANA (Associazione Nazionale Protezione Animali e Ambiente) era però arrivata una segnalazione relativa ad un numero ben maggiore di conigli. Le ricerca, dunque, continuava. Un secondo coniglio, infatti, veniva di lì a breve individuato. Questa volta la freccia l’aveva centrato al posteriore destro. Il recupero, in questo caso, si è presentato più semplice per via della deambulazione particolarmente precaria. Il dardo, infatti, aveva trafitto i muscoli della coscia trapassandola e causando evidenti difficoltà nel movimento del malcapitato animale.

Recuperato anch’esso veniva subito trasferito, come già fatto con il primo animale, presso la clinica veterinaria del dott. Gnali, a Brescia. Entrambi hanno subito l’intervento chirurgico per l’estrazione della freccia. Sul caso stanno ora indagando le Guardie dell’ANPANA. Questo al fine di individuare chi si è reso responsabile dell’uso improprio della balestra, oltre che del maltrattamento di animali e della caccia con mezzi non consentiti. Il sospetto, supportato dalla segnalazione pervenuta, è che altri conigli siano stati catturati.

Le Guardie Ecozoofile ANPANA, riferiscono dalla stessa Associazione, vigileranno affinché non accadano più gesti incivili e vigliacchi di questo tipo.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati

VEDI FOTO: