GEAPRESS – Chissà che volto hanno i responsabili dei nefasti gesti che, in Italia, hanno procurato dolore e morte a tanti animali. Se non per difendere gli animali, almeno per tutelare l’uomo, potrebbe dire qualcuno che vorrebbe vedere i loro volti.

Nessuno, ad esempio, sa come è fatto chi ha preso a calci un cane puntando la pistola al vicino che protestava (vedi articolo GeaPress). Oppure chi ha colpito a sprangate i cigni e loro uova, riservando una dose di legnante anche al giovane che lo ha poi denunciato (vedi articolo GeaPress). Stessa considerazione per chi ha aggredito la troupe di Striscia la Notizia “rea” di avere filmato degli animali di un allevamento detenuti in tremende condizioni (vedi articolo GeaPress). Va bene per i minori, come quelli che hanno ucciso un gatto facendogli ingollare un’intera bottiglia dell’amaro del veterinario (vedi articolo GeaPress), ma in linea di massima per vedere come è fatto uno che nuoce sia ad uomini che animali (…lasciamo perdere solo animali) devi essere o mafioso (vedi articolo GeaPress) o al limite rubare energia elettrica. Con la sola differenza che in questi due casi si finisce in prigione (sia in flagranza che a condanna) per il maltrattamento di animali, no.

Eppure in Malesia (vedi articolo GeaPress) come negli Stati Uniti i volti si conoscono. Del resto si tratta di persone che possono nuocere non solo agli animali.

L’ultimo caso, negli USA, è avvenuto a Lehigh Acres, in Florida. La Signora Cathy Sue Garrison (nella foto) di anni 52, ha preso un cucciolo di due mesi e l’ha scaraventato dalla finestra. Il piccolo cane è stato recuperato da un vicino che è corso dal veterinario (…. che lo ha eutanasiato!). Frattura esposta del femore. La Signora Garrison, invece, è stata arrestata dallo sceriffo della contea di Lee ed è in attesa del processo. Potrà uscire di prigione pagando una cauzione di 1500 dollari. Le indagini hanno appurato che la Signora Garrison era nervosa, ed ha voluto punire il cane. Il cane, … non le persone. (GEAPRESS – Riproduzione vietata senza citare la fonte).