GEAPRESS – Questa volta a finire nei guai è stato un allevamento di cani, o almeno così era noto, di Pistoia. I cuccioli, in totale 17, provenivano dall’est Europa e venivano pubblicizzati per la vendita via internet. A quanto pare non ci sarebbe stata garanzia sanitaria, tanto che i piccoli cani sarebbero stati rinvenuti finanche privi di ogni vaccinazione. Nell’allevamento è stata sequestrata tutta la documentazione relativa ai cani, nonché numerosi cuccioli di varie razze tra cui Carlino, Bull Dog inglese, Labrador, Chihuahua Toy, Cavalier King, Bassotto.

I sequestri operati dal Corpo Forestale dello Stato e dalla Polizia Provinciale di Pistoia fanno seguito ad una vasta indagine durata parecchi mesi. Le segnalazioni, secondo quanto comunicato dagli inquirenti, riferivano proprio di cuccioli di cane venduti via internet e di dubbia provenienza. Per le numerose violazioni di legge, sono state contestate ai proprietari alcune migliaia di euro di sanzione. Non sarebbero però emerse rilevanze penali.

GeaPress ricorda che nonostante il recente esplodere del caso “cuccioli dall’est” è ormai da oltre venti anni che nei paesi occidentali dell’Europa arrivano dall’est, ed a prezzi stracciati, cuccioli di varie razze di cane ma anche gatti. Il fenomeno più evidente di tale invasione, che ha alla sua fonte ragioni economiche valide tanto quanto quelle degli allevamenti occidentali, si è manifestato agli inizi degli anni 90 con l’apparire di forme particolarmente virulente di malattie tipiche, tra cui cimurro e gastroenterite emorragica.

I vaccini comunemente usati nell’Europa occidentale non si rilevarono efficaci per contrastare l’espandersi epidemico dei ceppi selezionatesi nell’est fino alla caduta del muro di Berlino. Le ragioni del commercio, però, hanno prevalso su quelle sanitarie e solo dopo la morte di un numero sicuramente considerevole di cani, si cerca ora di porre ai ripari. Ad ogni modo non è teoricamente possibile, almeno finché saranno le leggi del commercio ad imperare, bloccare l’importazione di animali, e tra questi di cani, dall’est Europa.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati