GEAPRESS – Sono morti entrambi i due cani di Castiglione d’Intelvi, in provincia di Como, di fatto abbandonati nella casa di due cittadini italiani residenti a Lugano. Un rottweiler, trovato dai Carabinieri già morto, ed un cane corso. Quest’ultimo era in fin di vita ma è deceduto poche ore dopo il ritrovamento. Entrambi magri e disidratati, secondo quanto avrebbero avuto modo di appurare i Carabinieri della Stazione di Castiglione, intervenuti a seguito di una segnalazione.

La villetta dove erano detenuti i cani, si trova in una zona tranquilla di Castiglione d’Intelvi, nei pressi del campo sportivo. I cani, a quanto pare, non si udivano più abbaiare. Fatto questo che potrebbe aver insospettito un vicino. Per quanto si è avuto modo di appurare in loco, i due vivevano stabilmente in Svizzera e si recavano nella casa italiana solo per badare agli animali. Già il 27 dicembre scorso i cani non abbaiavano più. I due proprietari erano già tornati in Svizzera prima di Natale. Ad oggi, non hanno ancora dato loro notizie e a Castiglione non si sono più visti. In paese gira voce che siano partiti per una vacanza. Risulta però difficile credere che non abbiano saputo dei cani, visto che la notizia è stata abbondantemente resa nota non solo in Italia, ma anche in Svizzera.

I due poveri animali vivevano in una sorta di baracca, provvista di due cucce, nel giardino della casa. I Carabinieri non hanno trovato né cibo né acqua. Per i due la notizia di reato, inoltrata alla Procura della Repubblica di Como, per maltrattamento di animali con l’aggravante della morte. La pena massima è una multa di 45.000 euro e la reclusione fino a 27 mesi. Una previsione troppo bassa per fare scattare la possibilità di finire realmente in prigione. 

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati