GEAPRESS – Sono attualmente distribuiti in quattro rifugi, i 2200 cani provenienti da due diversi sequestri operati in Cina. Si tratta in particolare di un intervento avvenuto nella città di Chong Qing lo scorso 5 marzo e di un sequestro di ben 1300 cani operato nella provincia di Guizhou. In entrambi i casi, ad intervenire, sono stati gruppi di animalisti locali.

Particolarmente complesso il primo episodio. L’autista del camion dove erano stati stipati 900 cani, era riuscito in un primo momento a convincere la polizia della regolarità del trasporto. In alcune regioni della Cina, il cane è considerato anche come un animale da macello. Tutti gli animali devono però essere accompagnati da un certificato sanitario. Nel caso di Chong Qing, dopo la verifica delle raccapriccianti condizioni di trasporto è stato poi possibile contestare anche la regolarità dei certificati sanitari.

Più semplice, invece, il sequestro nella provincia di Guizhou. I certificati apparivano fin da subito palesemente contraffatti.

I cani sono ora divisi in due rifugi della città di Chengdu ed altri due dei centri abitati di Kunming e Nanjing. Si tratta di strutture che rischiano ora il collasso. Gli animali sono attualmente detenuti grazie ad alloggi provvisori, fatti appositamente arrivare per fronteggiare l’emergenza. L’impegno di IFAW (International Fund for Animal Welfare) ha condotto ad un accordo con una ditta di vaccini che si è incaricata dell’invio di 2500 dosi.

IFAW, a questo proposito, sottolinea l’elevato numero di cani che ogni anno verrebbero rubati in Cina. La stessa irregolarità delle due ultime spedizioni testimonia, ad avviso degli animalisti, come il femomeno sia molto diffuso. Da una ricerca che IFAW ha eseguito sul web, risulterebbero per la Cina 135.000 voci relative proprio ai cani rubati. Secondo IFAW i poveri animali verrebbero prelevati utilizzando carne trattata con tranquillanti, gabbie trappola e dardi soporiferi. I cani, una volta catturati, verrebbero stipati in gabbie dove, in funzione delle distanza dal luogo di macellazione, possono stabulare per diversi giorni consecutivi.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati