GEAPRESS – Secondo l’accusa avevano sparato contro un cucciolo, di fatto trasformato in un “cane bersaglio” di un macabro gioco. Ora, per i due abitanti di Cupello (Chieti) il rinvio a giudizio. Un atto inaccettabile oltre incivile, squallido e deprecabile. Questo secondo l’Associazione Animalisti italiano Onlus che tramite il suo Presidente, Walter Caporale, auspica la piena applicazione della legge contro i maltrattamenti di animali.

I fatti traggono origine da una denuncia dell’Associazione “Amici di Zampa” che, secondo Walter Capolrale, hanno contribuito al rinvio a giudizio dei due, ora deciso del Giudice della Indagini preliminari.

Al processo – ha dichiarato Walter Caporale – Animalisti Italiani onlus si costituirà parte civile e chiederà una pena esemplare per gli autori del folle gesto affinché serva da monito per tutti coloro che non hanno compreso che gli animali sono esseri senzienti e soffrono quanto gli umani ed ai quali è dovuto rispetto e assistenza in caso di necessità; non torture, non maltrattamenti, non sevizie”.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati