GEAPRESS – Un canile che, stante il comunicato dei Carabinieri, risulterebbe del tutto abusivo, ma in una struttura che si faceva notare. Non solo per la tipologia abitativa, ma anche per il fastidio del continuo abbaio dei cani che aveva indotto alcuni abitanti della zona a rivolgersi ai Carabinieri.

Una frazione di Cervara, alle porte di Roma, dove i Carabinieri del Comando Stazione di Arsoli hanno disposto il sequestro della struttura. Al suo interno 11 adulti di cane pastore del caucaso e due cuccioli. Secondo i Carabinieri, il proprietario potrebbe aver maltrattato i cani facendogli mancare il cibo e sottoponendo i cuccioli ad interventi di taglio delle orecchie e della coda.

Anche alcuni adulti sarebbero comunque risultati con la coda e le orecchie tagliate.  A quanto pare, però, le ferite dei cuccioli non erano ancora cicatrizzate, fatto questo che fa supporre ai Carabinieri di interventi chirurgici forse eseguiti in maniera illegale.

L’intervento congiunto ai medici veterinari dell’ASL RM/G si è poi concluso con il trasferimento di tutti i cani presso un canile di Palestrina. Il proprietario dei pastori del caucaso, un cittadino di origine straniera, è stato denunciato a piede libero dei Carabinieri della Compagnia di Subiaco con l’accusa di maltrattamento di animali e disturbo del riposo delle persone. Tutte imputazioni di cui risponderà ai magistrati della Procura di Tivoli.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati

VEDI FOTOGALLERY: