cuccioli ag
GEAPRESS – Sembra che stiano dormendo, ed invece sono tutti morti. Sotto il sole cocente da piena calura estiva che oggi batteva a Cattolica Eraclea, in provincia di Agrigento.

Un dramma, quale è l’abbandono, concluso nel peggiore dei modi. Chi ha compiuto l’orrendo gesto, lo ha portato a compimento  nei pressi della porta di ingresso del Centro Recupero Tartarughe marine  del CTS. Appena gli operatori sono arrivati, si sono subito accorti di quello scatolo. Purtroppo conteneva ormai cuccioli morti.

La richiesta, ormai inutile, di aiuto è così arrivata alla responsabile OIPA di Agrigento, Laura Samaritano. Laura già accudisce tre piccoli cagnolini anch’essi vittime dell’abbandono. Un  evento già occorso alcuni giorni addietro con un altro gruppo di cuccioli lasciati nei pressi di un cassonetto.

Non riesco a pensare a niente – riferisce Laura Samaritano a GeaPress – Potevamo prenderci cura dei cuccioli se solo avessimo saputo, ed invece vengono mandati incontro  a morte certa“.

I cuccioli deceduti sotto il sole non erano piccolissimi. Trenta giorni, più o meno. Quanto basta per  mostrare una reattività maggiore, rispetto ai neonati che invece soccombono quasi subito. La responsabile dell’OIPA, non riesce a darsi pace. “Ho pianto tutto il pomeriggio, da quando mi è arrivata quella telefonata. I cuccioli avranno di certo avuto un’agonia atroce – riferisce Laura Samaritano – Ho visto le loro espressioni, la bocca in modo particolare di uno di loro. Poi quelle mosche. Non voglio pensare a chi li ha abbandonati, non riesco a pensare ad un volto. Presenteremo denuncia contro ignoti, prevale il dovere civico ma sulle possibilità di rintracciare l’autore dello sciagurato gesto non credo che realisticamente ci siano molte possibilità“.

Poco importa se chi ha abbandonato quei cuccioli ha scelto non il ciglio della strada ma un Centro di Recupero. “Se crede di essersi così lavato la coscienza – conclude la volontaria – si sbaglia di grosso. Spero che i suoi occhi arrivino ora a dare una occhiata all’interno di quella scatola di cartone

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati