GEAPRESS – Ragazzi che piangono, i cani in terra, bavano e sono in preda delle convulsioni. Momenti di vero terrore ieri difronte ai magazzini Ikea di Catania. Nel parcheggio, infatti, mani ignote hanno gettato delle polpette avvelenate. I volontari dell’Associazione l’Altra Zampa cercano disperatamente di prodigarsi per i cani. La situazione appare subito disperata ed i video che sono stati diffusi in rete dall’Associazione catanese sono drammatici.

Non è chiaro cosa sia avvenuto nei giorni scorsi, forse una polemica con i vigilantes, ma l’Ikea fa subito sapere di avere immediatamente allertato il personale appena si sono accorti di quanto stava succedendo. Scattano i soccorsi, ma nei primi momenti in molti sono presi dal panico.

Intanto, quelle immagini strazianti dei poveri cani così finiti e ripresi nel video diffuso dagli animalisti (ATTENZIONE IMMAGINI SCONSIGLIATE ALLE PERSONE SENSIBILI), suscitano sdegno unanime. Chi ha ucciso i cani del parcheggio Ikea? Due dei tre sarebbero, infatti, già morti. “E’ una battaglia persa“, dice scoraggiata una voce, mentre i cani, ormai dal Veterinario, continuano a tremare.

L’avvelenamento, stante quanto riferito in un comunicato dell’ENPA catanese, è avvenuto ieri sera. Quattro cani, dei quali solo uno non avrebbe ingerito il veleno. Gli altri tre sono stati soccorsi tempestivamente dai volontari de l’Altra Zampa. Uno di loro, nella mattinata, era già morto tra atroci sofferenze.

Le mani che hanno guidato questo gesto, non possono essere altro che assassine – riferiscono dall’ENPA di Catania – uccidere la vita con simile crudeltà, fa di un essere qualcosa che di umano non ha niente“.

Per l’ENPA l’Ikea di Catania dovrebbe ora mettere subito a disposizione i filmati ripresi dalle videocamere della videosorveglianza.

Secondo l’ENPA l’Associazione l’Altra Zampa sta provvedendo a sporgere denuncia ma la sede catanese della Protezione Animali ha già messo a disposizione le proprie Guardie. “Chi sa parli – concludono dall’ENPA – almeno avrà un po’ di pace nella propria coscienza“.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati

VEDI PRIMO VIDEO:

VEDI SECONDO VIDEO:

VEDI TERZO VIDEO:

VEDI QUARTO VIDEO: