Pit bull
GEAPRESS – Cani che ringhiavano all’interno dei garage. E’ quanto scoperto ieri mattina dalla Polizia di Stato nel quartiere Librino di Catania,  nel corso di un controllo di una stabile di via Moncada.

Stante quanto riportato dalla Questura di Catania nei luoghi era chiaramente percepibile il cattivo odore tanto da richiedersi l’intervento del servizio veterinario dell’ ASP per verificare lo stato di salute degli animali. All’interno di un box venivano così individuati 9 cani che si sarebbero presentati in pessimo stato di salute ed in condizioni igenico-sanitarie precarie.

Tre persone, individuate come proprietarie del terreno, venivano deferite all’Autorità Giudiziaria con l’accusa di maltrattamento di animali. I cani, tutti sottoposti a sequestro, sono stati affidati in custodia giudiziaria  ad un canile. Inoltre, all’esterno dell’ingresso condominiale, era stato ricavato uno spazio recintato con all’interno un cane in stato di abbandono ed in pessime condizioni igenico-sanitarie. Secondo la Polizia di Stato potrebbe essere stato utilizzato per i combattimenti. Anche questo animale veniva affidato al canile.

Le verifiche effettuate nell’area dello stabile portavano inoltre al ritrovamento di un Revolver privo di matricola, mentre all’interno di uno scantinato veniva rinvenuta una notevole quantità di rame con le rispettive guaine  oltre che alcune lavatrici. Il proprietario veniva denunciato per violazioni alla normativa ambientale.

All’interno di altro garage, invece,  materiale esplodente e pirotecnico illegale e  7 bombe carta. Il tutto è stato recuperato dal personale Artificieri che provvedeva a denunciare all’Autorità Giudiziaria il proprietario del garage.

I controlli si sono così estesi agli altri garage. Grazie all’ausilio di cane specializzato nella ricerca degli stupefacenti, si ritrovavano due buste in plastica contenenti rispettivamente 67 involucri in carta stagnola al cui interno era contenuto dell’hashish per un peso complessivo di 69 grammi lordi e 45 involucri in carta stagnola al cui interno era contenuta della marijuana per un perso complessivo di  38 grammi lordi. Il prorpeitario dei locali, una volta rintracciato, veniva posto in stato di arresto.

Purtroppo nello stesso quartiere, già nel passato, sono avvenuti sequestri di animali, tra cui cani e cavalli verosimilmente utilizzati per le corse e la macellazione clandestina.

Ad intervenire nei luoghi le unità operative delle volanti dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico coadiuvate da personale del Reparto Prevenzione Crimine, le pattuglie della Squadra Cinofila e Squadra a Cavallo, il Nucleo Artificieri ed il locale Gabinetto di Polizia Scientifica. Presente pure personale della  Polizia Provinciale e della Polizia Locale.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati