cavallo
GEAPRESS – Un intervento del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Catania maturato nella mattinata di lunedì e condotto in ottemperanza alle disposizioni del Questore Marcello Cardona.

Sono stati così eseguiti diversi controlli mirati alla tutela della salute pubblica e al contrasto dei maltrattamenti agli animali condotti congiuntamente al personale della Squadra di Polizia a Cavallo della Polizia di Stato, personale dell’ASP Veterinari di Catania, personale della Polizia Locale Reparto Annona e personale della Polizia Provinciale.

Individuate diverse abitazioni che a detta della Polizia di Stato sarebbero state abusivamente adibite a stalle; al loro interno quattro cavalli, ognuno dei quali posto all’interno di un box in muratura. I locali sarebbero stati caratterizzati da scarsa pulizia, una carente illuminazione artificiale mentre, per i box, da una copertura insufficientemente alta per garantire il benessere degli animali. Supposto il maltrattamento, è stato effettuato un controllo approfondito grazie al quale sarebbero stati rinvenuti medicinali dopanti/anabolizzanti vietati e nocivi per l’animale nonché altri medicinali ad uso umano, detenuti senza titolo.

La Polizia di Stato ha inoltre rinvenuto diversi cani, uno dei quali presentava ferite multiple; in ragione del suo stato è stato disposto il sequestro.

A quanto sembra una persona avrebbe ammesso di avere somministrato gli anabolizzanti, ma, a detta dello stesso, avrebbe pensato che si trattasse di integratori e vitamine. L’uomo è stato denunciato con l’accusa di maltrattamento di animali e detenzione illegale di sostanze anabolizzanti; inoltre, personale dell’Asp ha anche contestato la sanzione amministrativa da euro 1549,00 a 9299,00 per mancanza del codice aziendale della stalla.

All’interno dei locali, quelli che la Polizia di Stato ha definito i classici calessi e i finimenti che notoriamente vengono utilizzati per le corse clandestine.

Gli equini sono stati sequestrati a scopo preventivo e, a cura del personale della Squadra a Cavallo della Polizia di Stato, sono stati trasportati a Ragusa per l’affidamento in giudiziale custodia a un locale centro turistico rurale.

Prima del trasporto, a cura dell’Asp Veterinari, i cavalli sono stati sottoposti a un prelievo finalizzato alla ricerca di sostanze dopanti.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati