cane antiveleno
GEAPRESS – Con le zampe contratte nell’erba e la bava che era fuoriuscita dal becco. In questo stato  si è trovata stamani la Poiana di Castelnuovo Berardenga, in provincia di Siena. Ad intervenire nei luoghi la Polizia Provinciale che si è avvalsa di un collaboratore speciale. Si tratta, infatti, di Inca, femmina di pastore tedesco già utilizzata in altre campagne in difesa della natura come quella antibracconaggio condotta dal WWF ad Ischia (NA) (vedi articolo GeaPress).

Il cane, appena individuato il rapace ormai morto, si è accuciato accanto attendendo l’arrivo degli Agenti. L’ipotesi più probabile è che il povero animale sia stato ucciso da un boccone avvelenato, ma per averne conferma bisognerà attendere l’esito dell’esame tossicologico disposto dall’Istituto Zooprofilattico al quale è stata consegnato.

La Polizia Provinciale era intervenuta per uno scrupoloso controllo del territorio, a seguito delle segnalazioni di una possibile distribuzione del veleno. Proprio nei pressi del fiume Arbia, il ritrovamento del bel rapace. Purtroppo, per lui, non vi era più nulla da fare.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati