cane eital
GEAPRESS – Un cane gettato in discarica abusiva. Succede nei pressi di Casteldaccia, in provincia di Palermo, dove una persona che si trovava in vacanza si è messa in contatto, dopo quanto scoperto con l’EITAL (Ente Italiano Tutela Animali e Legalità).

L’animale rinvenuto oramai morto, era legato per le zampe con un filo di acciaio. Accanto al corpo del mangime riposto in terra.

Per l’Eital si tratta dell’ennesimo episodio di inciviltà e degrado in una terra ricca di natura e con un potenziale turistico elevato. Terra, aggiunge l’associazione, che invece di essere valorizzata viene degradata da chi scarica le proprie frustrazioni su esseri indifesi. Può così capitare che i turisti con bambini, si scontrano in episodi simili che si trasformeranno inevitabilmente in un ricordo di certo molto negativo.

L’EITAL si chiede ora dove sono i controlli su animali e ambiente e di chi è la reponsabilità di tale situazione.

Questo scempio, concludono gli animalisti deve finire, insieme a quello del randagismo di cui tanto si parla ma mai nessuna istituzione e’ intervenuta in maniera immediata ed efficiente.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati