GEAPRESS – I fatti sono avvenuti lo scorso agosto nei pressi di Caserta Vecchia (CE). Il tratto di strada, chiuso al traffico per lo smottamento della carreggiata, di certo non ha agevolato il ritrovamento dell’ennesimo abbandono di animali.

Una gattina bianca, lasciata al chiuso del trasportino a lato della corsia. Per fortuna, in quei luoghi si trovavano a passare le Guardie del WWF ed alcuni attivisti del gruppo Veg in Campania. Un trasportino, sotto il sole. All’interno, una gattina bianca in gravi condizioni di salute. Trasportata d’urgenza da un Medico Veterinario, la povera gattina mostrava i sintomi di un colpo di calore. In aggiunta appariva disidratata ed affetta da una lieve dermatite.

Senza l’intervento dei volontari la gattina sarebbe sicuramente morta. I gatti, infatti, non potendo sudare per abbassare la temperatura corporea sono molto più esposti ai colpi di calore. Senza acqua e cibo, in compagnia solo di feci di topo.

Le Guardie del WWF hanno depositato alla Procura competente una denuncia contro ignoti per abbandono e maltrattamento di animali, come previsto dagli artt. 727 e 544 ter del Codice Penale.

La gattina è stata affidata al Rifugio Municipale di Caserta grazie all’interessamento dello stesso direttore sanitario dell’ASL, dott. Santamaria. Malgrado il Comune di Caserta sia da mesi in dissesto finanziario, il Rifugio Municipale continua a funzionare efficacemente con l’aiuto dei volontari dell’Associazione NATI LIBERI che, in seguito all’arrivo della gatta, hanno subito diramato l’appello di adozione e…finalmente una buona notizia: dopo pochi giorni, la gatta bianca ha trovato una nuova famiglia pronta ad accoglierla e amarla.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati

VEDI FOTO: