cuccioli busta
GEAPRESS – Cinque cuccioli di non più di tre giorni di vita. Qualcuno li ha chiusi in un busta di plastica gettata da un ponticiattolo in una zona rurale della provincia di Caserta nei pressi di Castel Campagnano.

Per fortuna, ad accorgersi dei lamenti dei piccoli è stata una signora che ha dato subito l’allarme coinvolgendo i volontari della zona. Per uno dei cinque cuccioli non vi è stato purtroppo nulla da fare. Il  probilmente violento impatto con il suolo lo aveva mortalmente ferito. Ne rimangono quattro, tre maschi ed una femminuccia, ora accuditi nella speranza di riuscire a salvarli.

Erano tutti con il cordone ombelicale – riferisce a GeaPress la volontaria Lena – Purtroppo dalle mie parti non è la prima volta che capitano cose di questo genere. Considerato il posto ove sono stati ritrovati, considero i quattro cuccioli come dei miracolati. Sono piccolissimi ed ancora con gli occhi chiusi”.

Un nuovo caso che ripropone quanto ancora diffusa sia la crudele abitudine di sbarazzarsi di cucciolate indesiderate. Eventi che potrebbero essere evitati qualora i cani venissero microchippati e sterilizzati, come da più parti chiedono i volontari. Si tratta in genere di cagne poste a guardia di zone rurali. Rasentano la sopravvivenza e ad ogni cucciolata viene tenuto al massimo un cucciolo per smaltire il latte che, invece, doveva essere destinato a tutti i piccoli animali.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati