cane pozzo
GEAPRESS – Il corpo di un meticcio tipo volpino con le zampe martirizzate è stato rinvenuto da una volontaria di Capaccio in provincia di Salerno. La ragazza, insospettita dal fetore, ha fatto così la macabra scoperta denunciando il tutto alla delegazione della Lega Nazionale per la Difesa del Cane di Battipaglia e alle autorità. Il Comune ha sporto denuncia contro ignoti, mentre la stessa associazione ha annunciato la costituzione di parte civile qualora verrà individuato il colpevole ed intentato contro di lui un processo.

“La malvagità di certi individui – ha riportato la Lega Nazionale per la Difesa del Cane – non degni di esseri definiti uomini, nei confronti degli animali sembra non concedere tregua a queste povere creature che non possiedono né forza né voce per difendere i loro diritti”. Quello di Capaccio rappresenta l’ultimo raccapricciante episodio. Il cagnetto galleggiava nell’acqua di un pozzo ed accanto a lui vi era la carcassa di un pollo. Il corpicino di Foxy, così la Lega per la Difesa del Cane ha voluto chiamare quel martoriato essere, portava chiari segni di sevizie. Le zampe anteriore erano infatti state mozzate di netto mentre gli arti posteriori, evidentemente spezzati, si presentavano posizionati al contrario. La ragazza ha immediatamente fotografato la macabra scena in cui si era imbattuta e dopo aver avvertito le autorità competenti, ha contattato la LNDC delegazione di Battipaglia (SA) raccontando dell’efferato animalicidio. Purtroppo quando si è recata sul luogo del misfatto l’ASL ha trovato soltanto il corpo del pollo poiché quello di Foxy nel frattempo era stato rimosso. Con tutta probabilità dall’autore stesso del crimine che, si ipotizza, abbia ucciso l’animale per “punirlo” di aver ”razziato” il pennuto da cortile.

La Lega Nazionale per la Difesa del Cane sporgerà denuncia alle forze dell’Ordine contro ignoti, ma l’associazione vuole dare un nome e un cognome, e possibilmente una pena esemplare, a chi ha commesso questo reato. “Chi sa, ci contatti – dichiara Alfredo Riccio, responsabile di LNDC Battipaglia – E’ necessario che le violenze sugli animali siano perseguite e punite in modo esemplare e che, contestualmente, si lavori sulla prevenzione attraverso campagne di sensibilizzazione e informazione volte a promuovere un corretto rapporto uomo-animale e la conoscenza delle leggi a loro tutela”.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati