GEAPRESS – 300 animali, tutti stipati dentro una casetta di Fenelon Falls, in Ontario. Nella cittadina canadese una donna aveva così deciso di dedicarsi ai gatti. Almeno in tale maniera si giustificava una volta precipitatasi dal negozio di animali dove lavorava, nella sua dimora andata fuoco.

Io amo i gatti, io amo i gatti“, ripeteva ai pompieri. Ma all’interno dei piccoli locali sono saltati fuori, oltre a 38 gatti, anche tre cani, un centinaio di uccelli e poi ratti, gerbilli, conigli e criceti. I Vigili del fuoco hanno dovuto indossare le mascherine anti gas a quanto pare non solo per il fumo. Dentro la casa, infatti, vi erano uno strato di feci in terra ed un fortissimo odore di ammoniaca a causa delle urine dei gatti.

I volontari di tre diverse associazioni animaliste, sentito l’allarme, sono accorsi per dare aiuto ai pompieri impegnati nell’insolito massiccio salvataggio. Infine, tutti salvi. Gli animali smistati tra i rifugi della varie associazioni ed un procedimento aperto nei confronti della signora. A tal proposito sembra però che i vicini avessero più volte segnalato alle autorità sanitarie locali i fortissimi odori nauseabondi che provenivano da quella abitazione. Evidentemente le inerzie non sono solo italiane. Nessuno si era però mosso finchè sabato scorso l’impianto di riscaldamento (a Fenelon Falls vi erano undici gradi sotto zero) è andato a fuoco.

Ad ogni modo tutto risolto per il meglio e c’è da sperare che la signora decida di non prendersi più animali. Si lamenta solamente un ferito. Un pompiere ha avuto un graffio … di gatto. (GEAPRESS – Riproduzione vietata senza citare la fonte).

VEDI PHOTO GALLERY: