GEAPRESS – Li hanno trovati all’interno di una gabbia per canarini, sottonutriti e con le ali rovinate. Una coppia di falco Gheppio, detenuta in una casa di Guglionesi, in provincia di Campobasso, senza apparente motivo. A ritrovarli gli uomini del Comando Stazione Forestale di Petaccio Scalo, intervenuti nell’ambito dei servizi mirati al controllo del territorio e del bracconaggio.

Secondo il Comando Provinciale di Campobasso del Corpo Forestale dello Stato, non si tratterebbe dell’unico intervento in provincia che ha portato al ritrovamento di uccelli rapaci, tutte specie particolarmente protette dalla legge, illegalmente detenuti. Il Gheppio, informa la Forestale, nidifica e vive nelle zone boschive, ma si trova anche in città dove a volte sosta sui tetti degli edifici più alti, su rami o cespugli, sui muri delle case, sui pali oppure sui cavi del telegrafo, punti strategici da cui si lancia in picchiata sulle prede, costituite perlopiù da insetti, lombrichi, piccoli uccelli o roditori.

La persona che illecitamente li deteneva a Guglionesi, è stata denunciata alla Procura della Repubblica di Larino mentre, i due volatili, sono stati portati nella sede del Comando Provinciale dove hanno ricevuto le prime cure. Da lì sono stati trasferiti, previa autorizzazione dell’Amministrazione Provinciale di Campobasso, nel Centro Recupero Fauna Selvatica della LIPU di Casacalenda. I due gheppi, non appena in condizione, saranno reintrodotti nell’ambiente naturale.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati