GEAPRESS – 1000 euro di ammenda per avere ridotto la povera Sara, cane corso di Santa Caterina (CL), pelle ed ossa. Anzi, non è andata neanche esattamente così. Nonostante l’impegno profuso dalle Guardie della LIDA e del WWF il reato è stato derubricato da maltrattamento di animali a quello sulle inidonee condizioni di detenzione. Può succedere, purtroppo. Quando le condotte sono similari, viene applicata la norma che più garantisce l’imputato.

Povera Sara, il suo … inidoneo detenere … è valso appena una ammenda di 1000 euro. Questo anche se la costrizione in quel tugurio (vedi articolo GeaPress) l’aveva ridotta pelle ed ossa.

Appena 700 euro, invece, per un cacciatore, anch’esso oggetto di intervento della Guardie LIDA e WWF, che aveva di fatto lasciato in stato di inedia cinque cani da caccia. Nella baracca loro riservata, finanche urine e feci rappresse. Nessuna miglioria, inoltre, risultava essere stata apportata dopo i successivi controlli. Considerato il carico probatorio raggiunto a seguito del lavoro delle Guardie, e le prove schiaccianti, l’imputato ha preferito accettare il Decreto Penale di Condanna, e pagare così una pena ridotta: 700 euro. La condanna non gli pregiudicherà la possibilità di andare a cacciare. 

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati