GEAPRESS – Un cucciolo bianco, con il pelo arricciato ed i dentini ancora piccoli e bianchissimi. Ha fatto l’errore di entrare in un terreno di Calasetta, in provincia di Carbonia Iglesias. Il pastore, una volta arrivato con il gregge, ha notato il cucciolo e non ha sopportato l’imperdonabile “errore”. Il piccolo cane, di soli pochi mesi di vita (nella foto), è finito sotto i tremendi colpi di un bastone. Guaiti e latrati di dolore. Sfondamento cranico e dispersione di materia cerebrale, dirà poi il referto veterinario. Come se nulla fosse successo, l’uomo avrebbe poi preso il corpicino ormai privo di vita lanciandolo in un terreno adiacente. Numerose le segnalazioni pervenute al Comando Stazione dei Carabinieri di Calasetta. I militari, prontamente intervenuti si sono però trovati innanzi il tremendo risultato di quanto successo.

Avvenuta l’identificazione dell’uomo si è così proceduto alla denuncia in stato di libertà ed al deferimento all’Autorità Giudiziaria. Il reato di uccisione di animali, contestato dagli animali, non prevede l’arresto in flagranza neanche nei casi di più efferata violenza. Sembra, per altro, che l’uomo potesse avere delle precedenti denunce per pascolo abusivo.

Eseguiti i rilievi del caso i Carabinieri del Comando Stazione di Calasetta hanno altresì avvisato il Comune per la dovuta rimozione e sotterramento del cane. I Carabinieri, scrivevano altresì al Comune di imputare il costo dello smaltimento al responsabile del gesto.

Pare che il piccolo cucciolo era presenta da qualche giorno assieme ad altri due cani randagi. Il fatto è avvenuto nel pomeriggio del 12 febbraio.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati