esche2
GEAPRESS – Un episodio molto grave. Così l’AIDAA di Brindisi commenta l’episodio di avvelenamento avvenuto nel quartiere San Paolo. Ad essere presa di mira sarebbe l’incolumità dei gatti di una piccola comunità felina censita e stanziale nei pressi di un’area condominiale.

I fatti sono occorsi ieri mattina, in coincidenza, fa notare l’AIDAA, con la festa del gatto nero. Una segnalazione giunta all’associazione da parte di un condomino portava, infatti, al rinvenimento di piatti con all’interno del pesce maleodorante rivestito di grano al veleno e bustine di topicida. Tutto questo distribuito era stato inoltre distribuito come un tappeto sul terreno dell’area condominiale, la stessa dove circolano cani di proprietà, gli stessi felini e il passaggio comune dei condomini.

Da tempo non si assisteva ad un fatto di tale gravità– afferma Antonella Brunetti, responsabile brindisina di AIDAA – un gesto doloso che ha messo a rischio persone, animali e lo stesso ambiente per la contaminazione dell’area. E’ necessario il rispetto e l’adempimento della procedura prevista ai sensi dell’Ordinanza Ministeriale del Febbraio 2012 , prorogata e rafforzata nel giugno 2016.”

Celere l’intervento della Asl nel siav C che ha provveduto al sequestro di alcuni campioni. Critiche, invece per la polizia giudiziaria che avrebbe dovuto sequestrare le sostanze e richiedere l’immediata bonifica con il coinvolgimento dell’Amministratore, cosa poi richiesta dall’AIDAA.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati