GEAPRESS – Mato Grosso, ovvero una delle aree del Brasile che maggiormente è stata deforestata per fare posto ai mega allevamenti di bovini da carne. Tante società (italiane comprese) si sono buttate nell’affare ed oggi lo Stato del Mato Grosso del Sud, conta una delle maggiori popolazioni di bovini di tutto il paese. I redditi pro capite, però, non sono particolarmente elevati anche se le città, come nel caso Ponta Porã, quasi la confine con il Paraguay, cercano di mascherare la povertà chiamando i quartieri Ville o Giardini. Come quello delle Rose dove l’altro ieri, intorno alle 14.00, una signora di 32 anni, rientrando in casa, ha trovato il vicino quarantaseienne che stava violentando il proprio cane labrador.

Inorridita dalla scena la signora ha subito avvisato la Polizia che ha provveduto a denunciare l’uomo. Attualmente è in attesa delle disposizioni dell’autorità competente. Il Giardino delle Rose è poco più che un insieme di modeste casette circondate da piccoli orti, immediatamente a ridosso della pista dell’aeroporto di Ponta Porã.

Di recente un altro simile caso avvenne in Italia, a Villaperuccio nella provincia di Carbonia-Iglesias (vedi articolo GeaPress). L’autore, affetto da turbe psichiche, aveva prima rubato il cane da caccia di un vicino e poi si era rinchiuso in casa. Di mestiere faceva il “servo pastore”, ovvero badava a greggi altrui. Per lui è stato disposto un anno di libertà vigilata presso una struttura specializzata, dove si cercherà di curarlo.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati