cane sepolto
GEAPRESS – La polizia civile di Rolante, nello stato brasiliano del Rio Grande do Sul, sta indagando su un caso particolarmente grave di presunto maltrattamento di animali che ha visto coinvolto un cane randagio.

Questo sarebbe stato picchiato e poi sepolto ancora vivo.

Attualmente è al vaglio degli inquirenti la posizione di due dipendenti comunali anche alla luce di un filmato che è stato pubblicato sui social network. Le due persone sarebbero già state ascoltate una prima volta e, secondo indiscrezioni circolate, avrebbero negato l’uso della violenza. Non è da escludere che il cane sia stato creduto morto.

Sul caso, che ha suscitato molto clamore, è  intervenuto il Sindaco della città che ha chiesto di valutare in tempi brevi quanto successo e fare piena luce sulle eventuali responsabilità.

Nel recente passato, anche in Italia, si sono registrati casi di cani sepolti vivi. In uno di essi, individuato il presunto responsabile, la difesa ha puntato sull’assenza di comportamenti dolosi per il quali la legge 189/04, incredibilmente, non può intervenire. Il cane, cioè, era stato creduto morto e per questo seppellito. Negligenza o altri comportamenti colposi, non vengono perseguiti.
© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati