GEAPRESS – Avrà un prosieguo in Tribunale, la protesta anti botticelle indetta dal PAE (Partito Animalista Europeo) sabato pomeriggio a Roma. L’iniziativa, indetta per protestare contro il continuato uso delle carrozze per turisti nel traffico romano, aveva visto la partecipazione dell’ex Ministro del Turismo Michela Vittoria Brambilla. Aveva promesso un saluto e così è stato, ma l’angolo nel quale sono stati relegati gli attivisti del PAE era, a quanto pare, tanto marginale che solo chi sapeva dell’evento poteva notarli. In particolare, hanno denunciato dal Partito Animalista, si era lontani dalle stesse botticelle, snaturando del tutto la manifestazione.

Per il PAE ci sarebbero precise responsabilità da parte della Questura di Roma che avrebbe confermato la piazza ma relegando il tutto in un angolo fuori mano. Stefano Fuccelli (nella foto mentre parla con l’On.le Brambilla), Presidente del Partito, ha incaricato il proprio legale Avv. Edward Quimi di presentare atto di formale denuncia-querela alla Procura della Repubblica del Tribunale di Roma avverso il Questore della capitale. Sarebbero stati violati, secondo il PAE, diritti politici costituzionalmente garantiti. In pratica, sarebbe stato imposto il divieto di manifestare pubblicamente nella zona concordata con i dirigenti della Questura.

Il PAE, però, ha dato mandato di procedere anche contro i vetturini. La vicenda, infatti, ha avuto un ulteriore sviluppo a Piazza di Spagna, dove alcuni militanti dell’Associazione 100% animalisti hanno protestato, in particolare, per le condizioni di un cavallo (vedi articolo GeaPress). Il vetturino, stante la versione fornita dagli animalisti, sarebbe subito passato alle mani mentre gli altri guidatori delle carrozze avrebbero aggredito verbalmente. Per il PAE ci sarebbero gli estremi per i reati specifici, ovvero aggressione, minaccia grave ed ingiuria compiuti ai danni dei propri militanti e sostenitori.

Un secchio è stato poi tirato contro chi manifestava per lo stato dei cavalli. Il tutto alla presenza degli Agenti della Polizia Municipale, come dimostrerebbe un video girato dai manifestanti.

Per il PAE, però, la sfrontatezza dei vetturini sarebbe rafforzata dall’accondiscendenza nei loro confronti più volte dimostrata dall’Amministrazione comunale. Dunque, un pomeriggio di pacifica protesta, con un ex Ministro venuto a porgere il saluto, finirà in Tribunale. Se avranno corso le due denunce, riguarderanno sia il Questore che i vetturini.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati

VEDI FOTO: