GeaPress – Momenti di tensione al canile di Calderara di Reno, in provincia di Bologna. Questa struttura e quella del Trebbo, nei pressi della città, avevano  affidati i cuccioli provenienti da un sequestro operato dalla Polstrada a Pian del Voglio nello scorso mese di febbraio. In tutto decine di piccoli cani che, stante le informazioni assunte, dovevano essere diretti in Campania.  Tutto sembrava andare per il meglio. Poi, un paio di settimane addietro, viene prospettato il cambio di affidatario.

Ieri, invece, la novità. Parrebbe infatti che sia stato disposto il dissequestro dei piccoli animali e la riconsegna all’importatore. Così, infatti, dovrebbe aver deciso il Tribunale del Riesame.  La consegna era inizialmente stata fissata per ieri, ma i volontari del canile ed alcuni cittadini di Bologna avevano presidiato la strada. Poi, a quanto pare, le persone che dovevano portarli via, non si sono presentate. Oggi, invece, il dramma. Il canile del Trebbo avrebbe già consegnato i cuccioli, mentre in quello di Calderara di Reno, parrebbe esserci una sorta di contenzioso con i Carabinieri i quali avrebbero identificato le persone che hanno parcheggiato di traverso la propria autovettura lungo l’unica strada di accesso al canile.

Di fatto, per potere impedire la consegna dei cani, occorre che il PM titolare del procedimento ricorra in Cassazione contro la decisione del Riesame. Si tratta, purtroppo, di mesi e nel frattempo la decisione del Tribunale deve essere fatta rispettare, tranne che lo stesso importatore rinunci alla consegna. Il Tribunale del Riesame non è titolato a giudicare la più o meno sussistenza del reato, cosa che spetta al Magistrato giudicante. Può però intervenire in merito alla sussistenza dei presupposti della misura cautelare, ovvero, in questo caso, del sequestro.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati