GEAPRESS – Rimarranno tutti sul posto sia i cani che i gatti detenuti nella struttura posta sotto sequestro dalla Stazione dei Carabinieri di San Pietro in Casale (BO). Secondo indiscrezioni pervenute a GeaPress, in queste ore i Medici Veterinari dell’ASL “Pianura”, starebbero per fornire le prescrizioni necessarie al mantenimento degli animali presso la struttura del cinquantaquattrenne napoletano residente a Cosenza, ma di fatto domiciliato a Galliera, ove nei pressi lavora come impiegato.

L’allevamento sarebbe finalizzato alla vendita, ed alcuni annunci diffusi sul web sarebbero riconducibili proprio alla struttura in questione. In tutto due pastori tedeschi adulti, dieci cuccioli sempre di Pastore Tedesco e quattro cani labrador adulti. Poi dieci gatti, tutti di razza ed anch’essi detenuti, a quanto pare, per fini commerciali.

Nella stessa struttura vi è anche un maneggio, attualmente in disuso. Nei pressi capeggia ancora un cartello con la scritta “Attenzione cavalli in maneggio evitare i rumori”. L’attività con cani e gatti nei pressi dell’ex maneggio, era stata notata dagli abitanti della zona che, a quanto pare, avevano provveduto a segnalare la struttura alle autorità competenti. I dubbi erano stati confermati, così come ieri comunicato dai Carabinieri. Gli animali sarebbero stati allevati in ambienti fatiscenti ed in precarie condizioni igienico sanitarie, tanto da rendere necessario il sequestro della struttura. Per il proprietario era così scattata la denuncia in stato di libertà per “detenzione di animali in condizioni incompatibili con la loro natura”. L’ASL ha però deciso per il mantenimento in loco.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati