cucciolo avvelenato
GEAPRESS – Due cucciolate, una recente, di appena 40 giorni, ed un’altra di sette mesi. Sette piccoli cani per entrambe le cucciolate, più la madre.

Tutti, potrebbero essere stati uccisi dal veleno, probabilmente un topicida,  distribuito nelle campagne nei pressi di Bisceglie (BAT).

A darne comunicazione sono i volontari dell’associazione Laika con sede a Trani ma operativa in diversi centri della provincia.

Solo una parte dei corpi dei piccoli cagnolini sono stati ritrovati. Dal vicino groviglio di rovi, però, si alza forte l’odore della putrefazione. Il caldo di questi giorni sta accelerando il processo, segnalando così il probabile luogo ove la restante parte degli animali che avevano ingerito il veleno, si era andata a rifugiare.

Non davano fastidio a nessuno – riferisce a GeaPress Gianfranco Menduni, volontario dell’associazione Laika – Tre cagnolini della precedente cucciolata e quattro dei più piccoli, sono stati ritrovati ormai morti, ma continuiamo a cercare gli altri”. Le speranze di poterli trovare ancora in vita, sono però ridotte al lumicino anche se i volontari non sembrano volersi rassegnare. Fino ad oggi hanno portato il cibo per i cani che, purtroppo, non rispondono più.

I volontari accusano ora di scarsa sensibilità le persone dei luoghi. Poche settimane addietro una colonia di gatti è stata sterminata, mentre, più di recente, un volontario è stato verbalmente aggredito da una persona che, a quanto pare, non tollerava i cagnolini.

Sulla morte dei poveri animali, una denuncia è già stata presentata. Anche domani continueranno le ricerche dei volontari, soli, come sempre.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati