busta
GEAPRESS – Una busta come quelle con le quali si va a fare la spesa. Qualcuno, ieri mattina, deve essere stato attirato dal suo possibile contenuto, tanto da mettersi in contatto con i volontari di Legalo al Cuore Onlus di Acquaviva delle Fonti.

Raggiunto il mercato vicino al carcere, l’incredibile scoperta. Nel marciapiede di una via decisamente trafficata, c’era la busta celestina con all’interno un cagnolino. L’animale era ancora in vita ma le sue condizioni sono apparse subito molto gravi. Il cane, oltretutto, presentava una sorta di taglio nella gola.

Subito sono partiti i soccorsi dei volontari. Quel piccolo corpo del peso di certo non superiore ai cinque chili, sembrava non reggere più il peso di una vita che di li a pochi minuti, finiva sul tavolo dell’ambulatorio veterinario.

I pelo malamente tosato e comunque rovinato probabilmente a causa delle lunghe ore passate dentro il sacchetto. Un cane abbandonato in una maniera così crudele per chissà quale motivo. Oppure qualcos’altro sul quale, però, non vi è alcun elemento per potere indagare. Il cagnolino non aveva peraltro il microchip. I volontari di Legalo al Cuore Onlus, hanno tentato di reperire le minime informazioni utili per ricostruire la vicenda. Si è cercato pure di verificare l’eventuale presenza di telecamere, ma quel cagnolino e la sua busta, sembra siano apparsi dal nulla.

I volontari insistono. Quella via è molto trafficata, è difficile pensare che il tutto sia passato  inosservato. L’appello è pertanto quello di denunciare o comunque di comunicare ogni informazione utile al fine di rintracciare l’autore di un gesto così crudele.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati