GEAPRESS – Si sarebbero difesi sostenendo di non essere più in grado di provvedere al mantenimento dei tre cavalli. I risultati, stante così le cose, erano evidenti. Una scena tragica e straziante, riferisce il comunicato diffuso dall’ENPA. Due cavalli smagriti ed una femmina adulta dal mantello pezzato, che si è dovuta eutanasiare dopo i vani tentativi di rimetterla in piedi.

I fatti sono avvenuti domenica mattina in una casa colonica di località Montecarelli, nel Comune di Barberino di Mugello (Fi). Ad intervenire, dietro segnalazione, le Guardie Zoofile dell’ENPA di Firenze. La cavalla, ormai in fin di vita, giaceva in terra almeno dalla sera prima. Semisommersa nel fango e sotto la gelida pioggia.

Al povero animale, una volta chiamata la dott.ssa Sarah Chiodi, Medico Veterinario di riferimento dell’ENPA, sono stati somministrati cardiotonici, cortisone e medicinali antishock. Purtroppo le condizioni della cavalla facevano intuire gravi danni agli organi interni. Ad essere avvisata,  anche l’ASL Veterinaria. Nonostante l’aiuto dei volontari dell’ENPA e di una pattuglia dei Vigili del Fuoco, fatta intervenire nel tentativo di sollevare il povero animale, non c’è stato nulla da fare. Considerate le sofferenze della cavalla, si è  deciso, su consiglio medico veterinario, di ricorrere all’eutanasia.

Per gli altri due animali, grazie all’intervento delle Guardie Zoofile dell’ENPA, è scattato il sequestro preventivo. Sono ora stati affidati ad un’azienda agricola di proprietà di Acqua Panna, che si è resa disponibile all’accoglimento.

Il reato contestato al proprietario dei cavalli è quello di abbandono e maltrattamento di animali. Del caso si occuperà ora la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Firenze.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati