GEAPRESS – I Carabinieri di Borghetto Santo Spirito e le Guardie Zoofile della Protezione Animali sono alla ricerca del sadico che ha ucciso, con particolare efferatezza, un gatto a Balestrino (SV).

L’animale, mansueto e domestico, è stato trovato agonizzante dalla proprietaria vicino a casa, dove si era penosamente trascinato in cerca di aiuto, dopo che qualcuno gli aveva conficcato a forza un grosso ramo in gola; la corsa verso uno studio veterinario è stata inutile e la bestiola è morta poco dopo il ritrovamento.

Nei paesi dell’entroterra albenganese, riferisce l’ENPA, la cultura del rispetto degli animali è ancora carente; i volontari dell’ENPA, gli unici ad agire in assenza delle istituzioni, si trovano a combattere spesso contro l’ostilità verso i gatti delle colonie feline libere, o i cani maltenuti, o gli avvelenamenti di animali di proprietà o selvatici.

Ma secondo la Protezione Animali savonese eguale atteggiamento, e responsabilità, hanno le amministrazioni comunali, alle quali diverse leggi, a partire dal 1979, affidano compiti diretti di protezione degli animali e, dal 2000 in Liguria, di soccorso e cura dei gatti liberi feriti e malati e dei cani randagi; ma dopo 12 anni buona parte dei Comuni dell’albenganese, ivi compreso Balestrino, sottolinea l’ENPA, sono vergognosamente inadempienti.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati