GEAPRESS – Si fa rovente la polemica tra LAC e OIPA da un lato ed il Presidente della Provincia di Treviso, Murano. Ieri le due Associazioni avevano denunciato la morte di un asinello (vedi articolo GeaPress) detenuto dalla Provincia, nonché la presenza di acqua putrida nel piccolo recinto dove vengono costretti sei asini. La fotografia del povero asinello è stata fatta il 26 aprile, ma le due Associazioni l’hanno diffusa solo ieri quando, cioè, il corpicino era stato eliminato in maniera, sostengono le Associazioni, tutta da chiarire.

Murano è intervenuto sulla vicenda sostenendo da un lato che l’asinello fosse nato morto, mentre l’acqua putrida sarebbe riferibile alle canalette che drenano dalla vicina scarpata. Gli asini, secondo lui, bevono solo acqua corrente.

LAC e OIPA, però, erano in possesso di altre fotografie che diffondono oggi. In effetti quello che si vede è una piccola bagnarola in plastica, mezza rotta e con all’interno acqua scura ed erba galleggiante. Segno questo che gli asini si vanno ad abbeverare proprio nella bacinella

Secondo Mara Canzian e Andrea Zanoni, responsabili di OIPA e LAC, se l’asinello fosse nato effettivamente morto, questa è una ammissione che un’asina gravida era stata detenuta in un luogo inidoneo.

I due esponenti, confermando l’esposto alla magistratura, annunciano ora anche una possibile azione alla Corte dei Conti. Il mantenimento degli animali costerebbe infatti 16.000 euro l’anno. Forse quanto basta per pensare ad un danno all’erario considerato il livello del servizio. (GEAPRESS – Riproduzione vietata senza citare la fonte).