GEAPRESS – Chiusi in un sacco e gettati vicino ad un cassonetto della spazzatura. 14 gatti hanno rischiato così di morire se non fosse stato per l’intervento dei volontari dell’ENPA savonese che hanno provveduto al loro recupero ed al ricovero presso la struttura della stessa Associazione. Il fatto è avvenuto a Coste di Leca, nel Comune di Albenga.

Quello che caratterizza questo ennesimo episodio di crudeltà è la diversa età degli sfortunati mici. Diverse cucciolate, di età compresa da pochi giorni ad alcuni mesi. In pratica quanto avvenuto può solo spiegarsi come atto di un folle o, forse ancor più grave, di un crudele sbarazzarsi degli indesiderati micetti nati, chissà dove, da gatti ormai insediati sul territorio. Purtroppo le condizioni di salute dei micetti non sono buone, tanto che la stessa ENPA di Savona comunica come attualmente si stia tentando di salvarli dalla disidratazione subita.

“Quello di abbandonare cucciolate – ricordano dall’ENPA di Savona – è un reato che purtroppo si verifica sovente nell’albenganese, dove tra i contadini sopravvive la leggenda metropolitana che una gatta che non ha partorito non sa catturare i topi. A San Fedele – aggiungono dalla Protezione Animali – qualcuno lo fa periodicamente due volte all’anno vicino alla chiesa”.

L’ENPA approfitta dell’occasione per ricordare la disponibilità più volte offerta dai suoi volontari a collaborare per sterilizzare le gatte di proprietà di contadini e di extracomunitari che posseggono animali ancora fertili.

Nel merito di quanto successo a Coste di Leca, le Guardie Zoofile dell’ENPA stanno ora svolgendo gli accertamenti per individuare il colpevole e denunciarlo alla Procura della Repubblica. Chi in possesso di informazioni utili potrà fornirle, anche in forma anonima, telefonando allo 019 824735, da lunedì a sabato dalla 10 alle 12 e dalle 17 alle 19, o mandando una mail a savona@enpa.org.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati